Valcava, Zuccherone, Coldara, Col Fopa, Opreno, Burligo

Discesa in Valle San Martino da Valcava a Burligo, passando per il crinale dello Zuccherone, Coldara, Col Fopa e Opreno.

Difficoltà: S3
Ciclabilità: 98%
Giudizio: Ottimo

Sentiero nella prima parte ripido per prati e boschi e con difficoltà tecniche fino a Coldara. Poi tecnico ma scorrevole.

La prima parte della discesa segue il crinale dello Zuccherone, seguendo un vecchio sentiero quasi abbandonato. Saranno necessari alcuni passaggi a piedi, e di ricerca del sentiero nel caso lo si perda. La direzione da tenere è sempre Ovest lungo il crinale verso Coldara. Una navigatore GPS è consigliato per seguire la traccia. La pendenza è a tratti elevata e non mancano le difficoltà tecniche di livello S3.

Arrivati a Coldara è possibile mangiare all' ottimo Agriturismo Coldara.

Dall'agriturismo si prende il sentiero che va verso il bordo di Coldara, ma appena prima di entrare nel borgo si gira a sinistra e si procede verso Col Fopa, dove si prende a sinistra e si continua verso Opreno. Il sentiero è una mulattiera scassa forcelle S2, con qualche difficoltà tecnica ma si fa tutto in sella.

Ad Opreno si svolta a sinistra e si procede verso la Forcella di Burligo con una facile sterrata, prima in leggera discesa, e sul finire con qualche rampa in salita. Dalla forcella si prende subito sulla destra in discesa un breve sentiero che ci porta nell'abitato di Burligo.

Nelle discesa non ci sono fonti d'acqua.

Si può salire dalla Cava, parcheggiando direttamente a Burligo.

Questa discesa si incrocia in più punti con la sua gemella più semplice che parte dalla Funivia e passa da Colle Pedrino.

Da Valcava lungo il crinale dello Zuccherone fino a Coldara
Da Coldara, Col Fopa, ad Opreno
Da Opreno a Burligo