Val d'Inferno

Percorso in Val Brembana da Ornica alla Val d'Inferno fino Santa Brigida

Percorso escursionistico con multiple discese S1, a tratti S2, e risalite tecniche.

Si parte da Santa Brigida e si raggiunge il Colle della Maddalena tramite asfalto. Inizia la prima bella discesa S1 fino a Ornica (i tagli S3 delle curve del video si possono evitare). Si attraversa il paese e si inizia la salita lungo il sentiero 106. Prima su alfalto e poi su tratti di mulattiere tecniche. I primi pezzi tecnici si possono evitare continuando su alfalto. Quando il sentiero 106 gira a destra su un ponticello, lo si lascia e si gira a sinistra. Dopo un ultimo tratto molto tecnico la salita diventa più dolce (decisamente più facile che continuare lungo il 106).

Lungo la salita si seguono le indicazioni con frecce azzurre, e poi arancio fino a raggiugere la sterrata che arriva da Valtorta. Sempre tramite sterrata si raggiunge l'Alpeggio Val d'Inferno. L'ultimo tratto è più semplice farlo per prati.

Dalla casera si prende il sentiero in costa verso la Val Salmuarno. Seguire sempre le freccia arancio. Fate attenzione a un paio di tratti esposti. Dalle Cinque Vie inizia una bella discesa S1, a tratti S2, che riporta sulla strada per il Colle Maddalena che si raggiunge in salita.

Dal colle si scende lungo il percorso pedonale e mulattiera che attraversa Cusio fino a ritornare a Santa Brigida.

Il percorso parte da Santa Brigida, ma si può accorciare partendo da Ornica, ma si allunga la strada da fare in auto.

Colle Maddalena, Ornica, Val d'Inferno (E-Bike)
Parnorama della Val d'Inferno

101, Valmora

Discesa in Val Brembana dai Piani dell'Avaro alla diga di Valmora e Caprile

Trasferimento dai Piani dell'Avaro al Passo San Marco seguendo il sentiero 101 con vari saliscendi e tratti di discesa S3. Dalla Diga di Valmora inizia la bella discesa S3 della Valmora.

Si parte da Santa Brigida e si raggiungono i Piani dell'Avaro tramite asfalto. Da qui inizia la salita per sterrate per raggiungere l'incrocio con il sentiero 101. Sul finale alcuni tratti sono di estrema pendenza, al limite della fattibilità con una E-Bike.

Dall'incrocio con il sentiero 101, inizia la discesa con un lungo traverso in costa su pietre smosse e vari saliscendi che termina al Piano Acqua Nera. Da qui si raggiunge la Diga di Valmora con facili sterrate in discesa.

Il tratto in discesa appena prima del Piano Acqua Nera è molto poco ciclabile. Non l'ho provato, ma probabilmente è meglio scendere da uno dei due sentieri che si staccano dalla destra del traverso per evitare quel tratto. Se qualcuno lo ha provato, è gradita una conferma.

Dalla diga inizia una bella discesa tecnica fino a Losco. Inizialmente S3 per dei tornanti stretti e a seguire S2. A tratti il sentiero è esposto, ma è sempre molto largo e non da problemi. L'unica difficoltà è il superamento di una pietraia di una vecchia frana.

Da Losco si prosegue su strada fino a Caprile Inferiore dove si prende un facile sentiero S1 che ci porta nei pressi di Santa Brigida.

Sentiero 101, Diga di Valmora, Caprile
Salita Piani dell'Avaro, Incrocio 101 (E-Bike)

Enzo Ronzoni

Giro escursionistico in Valle Brembana lungo il sentiero Enzo Ronzoni.

Giro escursionistico con multiple salite e discese che segue parte del sentiero CAI 105 dedicato a Enzo Ronzoni. Facile S1, ma a tratti con una fastidiosa esposizione tra S. Giovanni Battista e Ornica.

Si parte da Santa Brigida, un breve tratto ripido fino ad arrivare al periplo del Monte Disner che si segue in leggera salita fino all'Oratorio S. Giovanni Battista. Qui si continua sul versante Sud del Pizzo di Cusio. Questo tratto in costa presenta alcuni pezzi facili ma esposti, occorre quindi fare attenzione. Si arriva al Pianu dove inizia la prima breve discesa S2 (senza esposizione). Nei pressi di una baita, si svolta a destra e si riprende il tratto in costa in leggera discesa S1, a tratti ancora esposto, fino ad Ornica.

Da Ornica inizia una bella salita su sentiero che porta alle Baite Cesur dove si prende a salire lungo la strada (a tratti asfaltata) fino a sopra all' Oratorio Santa Maddalena. Si continua su sterrata in costa fino a riprendere il sentiero dove inizia una bella e lunga discesa flow S1. Sul finire la discesa ritorna ad essere un facile tratto in costa S1, con qualche sali scendi, che porta a Caprile Superiore, a Losco ed infine a Caprile Inferiore.

Si termina sulla strada asfaltata che riporta a Santa Brigida.

Sentiero Enzo Ronzoni
Panorama dal Pianu di Ornica

Lago Moro

Discesa in Valle Brembana dal Lago Moro a Carona.

Giro escursionistico e panoramico, praticamente sempre su sterrata, senza particolare difficoltà a parte un tratto a pietre smosse S2. A parte questo tratto, che si può fare a piedi, è un giro indicato per principianti.

Si parte da Branzi e con la strada asfaltata si raggiunge Foppolo. Dopo l'ultimo albergo inizia il sentiero CAI 204, prima su cementata, poi su sterrata con anche un facile tratto a sentiero fino al connettersi alla carrabile che sale dal Passo della Croce. La carrabile ci porta fino a Montebello dove si continua sempre su una carrabile fino al Lago Moro. Nell'ultimo tratto ci sono alcuni metri a spinta, ma sono proprio pochi.

La discesa ripercorre il tratto fatto in salita fino Passo della Croce. Nel primissimo pezzo ci sono molte pietre smosse ed è l'unico tratto con una difficoltà S2 che può mettere in difficoltà un principiante. Ma avendolo fatto in salita ci si può rendere conto della difficoltà ed eventualmente farlo a piedi.

Dal Passo della Croce si inizia a scendere. Al primo incrocio si tiene la sinistra per il Rifugio Mirtillo. Ci sono ancora 100m di dislivello da fare in salita fino al rifugio.

Dal rifugio è tutta discesa fino a Carona sempre su carrabile. La traccia taglia l'ultimo pezzo di strada con una mulattiera S2. Essendo un po' pendente, potrebbe dare problemi ai principianti. In alternativa, si può continuare a seguire la strada sterrata fino a Carona e per asfalto fino a Branzi.

Lago Moro, Carona
Salita Foppolo, Lago Moro (E-Bike)
Panorama dal Lago Moro