Salite al Monte Canto

Salite al Monte Canto per raggiungere i percorsi.

La salita più facile per il Monte Canto è quella di Pontida che permette di affrontare i percorsi del lato Nord. La pendenza è sempre lieve, fin troppo. Si può parcheggiare al cimitero di Pontida, e da li parte una sterrata che porta fino alla chiesetta di Santa Barbara.

Da Sotto il Monte parte un altra sterrata che permette di affrontare i percorsi del lato Sud, più facilmente fruibili dato che si asciugano in fretta. Lungo questa salita è possibile ammirare varie sculture in pietra di Vanni Battaglia.

Si può anche salire da Ambivere e Mapello, con un tratto asfaltato, per poi proseguire lungo sentieri fino ad arrivare a Fontanella. Da Fontanella è possibile raggiungere la chiesetta di Santa Barbara tramite una ciotolata cementata, con alcuni tratti molto ripidi non pedalabili.

Per raggiungere la vetta del Monte Canto, occorre un ulteriore sforzo. Dalla località Canto si prende il pedalabile sentiero di Crinale che sale costeggiando il versante Nord. Raggiunta una sella, si inverte la direzione e dopo un breve tratto a spinta si raggiunge la cima, che stranamente non è marcata da una croce, ma solamente con una scritta su un sasso. La zona è completamente circondata da alberi, e non si può godere del panorama. Conviene arrivare in cima solo per prendere la discesa Scalette.

Zandona

Discesa sul Monte Canto che dalla salita di Sotto Il Monte scende verso il paese.

Difficoltà: S1
Ciclabilità: 100%
Giudizio: Scarso

Discesa senza pretese. Un single track rettilineo con pietroni smossi. Da fare come conclusione dello Scalette o del Kompressor, per rientrare a Sotto Il Monte in alternativa alla sterrata.

L'unica nota di interesse è l'enorme scultura su pietra che si trova al suo inizio, che ricorda una divinità messicana o pre-colombiana, dello scultore Vanni Battaglia.

E' esposto a Sud e si asciuga in fretta.

Kompressor

Discesa sul Monte Canto che dalla chiesetta di Santa Barbara scende verso Sotto Il Monte.

Difficoltà: S2 (massima S3)
Ciclabilità: 100%
Giudizio: Ottimo

Uno dei sentieri migliori del Monte Canto se non proprio il più bello. E' un misto di tecnico e flow.

Si parte dalla chiesetta di Santa Barbara e si scende verso Ovest fino alla cementata che sale da Fontanella. la si segue per pochi metri, e sulla destra inizia il sentiero.

Il primo tratto è subito tecnico S2, fino a riconnettersi alla salita di Sotto Il Monte. Inizia quindi un tratto flow S1, ma che presenta un paio di passaggi tecnici di livello S3. All'incrocio con 4 sentieri, prendere il primo a destra e con un tratto S1 veloce ci si riconnette ancora alla salita di Sotto Il Monte. Al termine è possibile prendere lo Zandona per rientrare a Sotto il Monte.

E' esposto a Sud e si asciuga in fretta.

Uccellaia

Discesa sul Monte Canto che dalla chiesetta di Santa Barbara arriva nei pressi di Fontanella.

Difficoltà: S1 (massima S2)
Ciclabilità: 100%
Giudizio: Ottimo

Il sentiero famoso del Monte Canto. E' flow e veloce, ed in alcuni tratti in leggera salita. Ci sono alche alcune rampe da utilizzare per saltare, ma sempre con chicken-line. L' unico passaggio tecnico S2 è la famigerata curva della morte che presenta un punto esposto. E' molto frequentato dai pedoni, fate quindi attenzione.

Si parte dalla chiesetta di Santa Barbara e si prende il sentiero a Est che prosegue lungo il crinale fino ad arrivare sopra Fontanella.

E' principalmente esposto a Nord ma essendo sul crinale non ci mette troppo ad asciugarsi.

532, San Rocco

Discesa in Maresana dal ristorante Pighet a San Rocco lungo il sentiero 532.

Difficoltà: S1
Ciclabilità: 100%
Giudizio: Discreto

Sentiero flow con pochi passaggi tecnici. Fondo boschivo con qualche pietra.

Per prendere il sentiero Da Pighet occorre scendere di due tornanti dalla strada cementata che sale da Ranica. Primo tornante a destra, secondo a sinistra, avanti 50m, e sulla destra si vede l'imbocco del sentiero.

Lungo il sentiero fate attenzione a non prendere la prima variante a sinistra, in direzione opposta, che torna indietro sulla cementata. In questa variante si vede una targa che ricorda l'omicidio del 2006 di una coppia di ragazzi albanesi trovati sgozzati. L'assassino si è preso l'ergastolo.

Prendete invece la seconda a sinistra, 532bis, che prosegue nella stessa direzione, ma in discesa. Se si non prende questa variante, si fa un pianoro che ricongiunge alla parte finale del 604.

Uno dei più facili della Maresana affrontabile facilmente anche con una MTB front. Non confondetelo con il 402, comunemente chiamato solo San Rocco.

Birondina

Discesa in Maresana dal ristorante Pighet a San Rocco passando nei pressi della cascina Birondina.

Difficoltà: S2
Ciclabilità: 100%
Giudizio: Discreto

Sentiero tecnico, in costa nella prima parte, segue una discesa ripida, ed un sali scendi finale fino alla chiesa di San Rocco.

Fate attenzione che 200m dopo il primo tornante c'è un cavo metallico ad altezza terra. E' segnalato.

Se al primo tornante si prosegue dritti, ci si immetti nel FarWest dopo il pezzo ripido.

Scalette

Discesa sul Monte Canto che dalla cima scende verso Sotto il Monte connettendosi alla sterrata di risalita.

Difficoltà: S3
Ciclabilità: 98%
Giudizio: Ottimo

Il sentiero più difficile del Monte Canto con pendenze elevate e difficoltà S3. Evitate con il bagnato.

Si parte dalla cima del Monte Canto ed inizia subito un bel tratto tecnico di livello S2 fino ad incrociare il sentiero che dalle case del Canto va a Tassodine.

Si svolta a destra, e dopo un facile pianoro, si prende la prima deviazione a sinistra che immette nel tratto denominato Scalette. E' un lungo ripidone in piena difficoltà S3 che non da respiro. Almeno fino a che il sentiero svolta a destra e la pendenza diminuisce.

Il sentiero continua ancora per un bel pezzo con difficoltà S2, fino ad un saliscendi finale che ci riporta alla sterrata che sale da Sotto il Monte. Fate attenzione verso la fine alle due scalette, una di tronchi di legno ed una con gradini di sasso. Sono molto esposte, specialmente la seconda che è meglio fare a piedi. Al termine è possibile prendere lo Zandona per rientrare a Sotto il Monte.

E' esposto a Sud e si asciuga in fretta.

Rocce / Muschio / California / Lame Rotanti

Discesa sul Monte Canto che dalle case di Canto arriva fino a Roncarro.

Difficoltà: S2
Ciclabilità: 100%
Giudizio: Buono

Sentiero misto che alterna tratti flow a difficoltà tecniche S2 che si conclude con le famigerate Lame Rotanti.

Il primo tratto si immette nella parte piana delle Scalette, ma invece di girare a sinistra si prosegue dritti continuando con un tratto di sali e scendi fino all'incrocio con quattro sentieri, dove si prende la prima a sinistra.

Qui inizia la discesa con difficoltà tecniche di livello S2, sempre alternate a tratti flow, concludendo con un rock garden soprannominato Lame Rotanti per la presenza di rocce inclinate dall'aspetto scenografico.

E' esposto a Sud e si asciuga in fretta.

Monte Gussa

Discese nei colli di Bergamo dalla cima del Monte Gussa

Difficoltà: S1 o S2 a seconda della traccia
Ciclabilità: 100%
Giudizio: Ottimo

Dalla cima del Monte Gussa partono più discese che si riconnettono all'anello di sentieri che circonda il monte. Si tratta di brevi e facili discese flow di difficoltà S1, con qualche passaggio tecnico di livello S2. Unica eccezione la discesa dal lato Nord che data la pendenza è da considerarsi un pieno S2 con punte di S3. Il Gussa Sud è una discesa particolarmente indicata per principianti.

Per salire alla cima del Monte Gussa la salita più facile è la stessa della discesa sul lato Sud. E' quasi completamente pedalabile, ad eccezione di due passaggi.

La discesa sul lato sud si asciuga in fretta, per le altre è meglio aspettare tempi asciutti.

Gussa Sud
Gussa Nord
Gussa Est
Gussa Ovest

Forcella Alta, 817, Carenno

Discesa in Valle San Martino dalla Forcella Alta a Carenno per il sentiero 817.

Difficoltà: S1
Ciclabilità: 100%
Giudizio: Discreto

Mulattiera scorrevole, con poche difficoltà tecniche nella parte iniziale, e solo qualche tornante nel finale. Una discesa adatta per principianti e per MTB front.

Dalla Forcella Alta si scende direttamente per il prato, tagliando per più volte la sterrata che sale da Carenno.

Nelle discesa c'è una fonte d'acqua naturale subito sotto la Forcella Bassa.

Si può parcheggiare a Carenno nelle vicinanze del campo sportivo e salire per la sterrata per Forcella Alta.